Newsletter ilcattolico.it

contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

RESCRIPTUM EX AUDIENTIA SS.MI
Considerata la necessità di garantire una più razionale organizzazione dell’informazione economica e finanziaria della Santa Sede e di informatizzare i modelli e le procedure sottostanti, così da garantire la semplificazione delle attività e l’efficacia dei controlli, in quanto fondamentali per il corretto funzionamento degli Organismi della Curia Romana;
 

Udienza generale 20 maggio 2020

L’Udienza Generale di questa mattina si è svolta alle ore 9.30 nella Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano.
 
Pubblichiamo di seguito la Lettera che il Santo Padre Francesco ha inviato al Rettore della Pontificia Università San Tommaso d’Aquino – Angelicum, Padre Michał Paluch, O.P., in occasione dell’inaugurazione, presso l’Università, dell’Istituto di Cultura “San Giovanni Paolo II”, nella ricorrenza del centenario della nascita:
 
Pubblichiamo di seguito il testo del Videomessaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato ai giovani dell’Arcidiocesi di Cracovia in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita di San Giovanni Paolo II:
 

Regina Cæli 17 maggio 2020

Alle ore 12 di oggi, il Santo Padre Francesco ha guidato la recita della preghiera del Regina Caeli dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano. Al termine del Regina Caeli il Papa si è affacciato dalla finestra dello studio e ha impartito la Sua Benedizione.
 
Nel congedo dai discepoli (cfr Gv 14,15-21), Gesù gli dà a loro tranquillità, gli dà pace, con una promessa: «Non vi lascerò orfani»( v. 18) . Li difende da quel dolore, da quel senso doloroso, dell’orfanezza.
 
Gesù parecchie volte, e soprattutto nel suo congedo con gli apostoli, parla del mondo (cfr Gv 15, 18-21). E qui dice: «Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me» (v. 18). Chiaramente parla dell’odio che il mondo ha avuto con Gesù e avrà con noi. E nella preghiera che fa a tavola con i discepoli nella Cena, chiede al Padre di non toglierli dal mondo, ma di difenderli dallo spirito del mondo (Cfr Gv 17,15).
 
Pubblichiamo di seguito il testo del Messaggio del Santo Padre Francesco per la 106a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che sarà celebrata domenica 27 settembre 2020, sul tema: “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire. Accogliere, proteggere, promuovere e integrare gli sfollati interni”.
 
Nel Libro degli Atti degli Apostoli vediamo che nella Chiesa, all’inizio, c’erano tempi di pace, lo dice tante volte: la Chiesa cresceva, in pace, e lo Spirito del Signore si diffondeva; tempi di pace (cfr At 9,31). C’erano anche tempi di persecuzione, cominciando dalla persecuzione di Stefano (Cfr At 7,59), poi Paolo persecutore, convertito, anche poi lui perseguitato (Cfr At 13,50)…
 
Nella prima Lettura abbiamo sentito la storia di Giona, nello stile dell’epoca (cfr Gn 3,1-10). Siccome c’era qualche pandemia, non sappiamo, nella città di Ninive, una “pandemia morale” forse, [la città] stava proprio per essere distrutta (cfr v. 4). E Dio manda Giona a predicare: preghiera e penitenza, preghiera e digiuno (cfr vv. 7-8). Davanti a quella pandemia, [dapprima] Giona si spaventò e scappò (cfr Gn 1,3).
 

Udienza generale 13 maggio 2020

L’Udienza Generale di questa mattina si è svolta alle ore 9.30 nella Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano.
 
Il Signore torna sul “rimanere in Lui”, e ci dice: “La vita cristiana è rimanere in me”. Rimanere. E usa qui l’immagine della vite, come i tralci rimangono nella vite (cfr Gv 15,1-8). E questo rimanere non è un rimanere passivo, un addormentarsi nel Signore: questo sarebbe forse un “sonno beatifico”, ma non è questo.
 
Pubblichiamo di seguito il telegramma di cordoglio per la morte, avvenuta questa mattina, dell’Em.mo Card. Renato Corti, Vescovo emerito di Novara (Italia), del Titolo di San Giovanni a Porta Latina, inviato dal Santo Padre Francesco a S.E. Mons. Franco Giulio Brambilla, Vescovo di Novara:
 
Oggi si celebra la Giornata Internazionale dell’Infermiere, nell’ambito dell’Anno Internazionale dell’Infermiere e dell’Ostetrica, designato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, e il bicentenario della nascita di Florence Nightingale, fondatrice della moderna assistenza infermieristica.
 
Il Signore prima di andarsene saluta i suoi e dà il dono della pace (cfr Gv 14,27-31), la pace del Signore: «Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi» (v. 27). Non si tratta della pace universale, quella pace senza guerre che tutti noi vogliamo che sempre ci sia, ma la pace del cuore, la pace dell’anima, la pace che ognuno di noi ha dentro di noi.