La Chiesa è amica dei poveri

papa-ad-liminaUn incoraggiamento "a portare avanti gli sforzi della Chiesa per promuovere il benessere della società indiana" è stato rivolto da Benedetto XVI a un gruppo di vescovi giunti dall'India per la visita ad limina Apostolorum. Il Papa li ha ricevuti stamane, lunedì 19 settembre, a Castel Gandolfo.

Dear Brother Bishops,
I offer you a warm fraternal welcome on the occasion of your visit ad Limina Apostolorum, a joyful opportunity to strengthen the bonds of communion shared between the Church in India and the See of Peter. I wish to thank the Most Reverend Vincent Concessao for his kind words offered on your behalf and in the name of those entrusted to your pastoral care. My cordial greetings also go to the priests, the men and women religious, and laity of your various Dioceses. Please assure them of my prayers and spiritual solicitude.
The most significant concrete resources of the Churches that you lead are not to be found in their buildings, schools, orphanages, convents or rectories, but in the men, women and children of the Church in India who bring the faith to life, who bear witness to the loving presence of God through lives of holiness. As part of its ancient and rich heritage, India has a long and distinguished Christian presence which has contributed to Indian society and benefited your culture in innumerable ways, enriching the lives of countless fellow citizens, not just those who are Catholic. The enormous blessing of faith in God and in his Son, Jesus Christ, to which the members of the Church bear witness in your country, motivates them to acts of selflessness, kindness, love and charity (cf. 2 Cor 5:14). Most importantly, the Church in India proclaims its faith and love to society at large, and puts these into action through a concern for all people, in every aspect of their spiritual and material lives. Whether her members be rich or poor, old or young, male or female, of ancient Christian heritage or newly welcomed into the faith, the Church cannot but see in the faith of her members, individually and collectively, a great sign of hope for India and for its future.

In particular, the Catholic Church is the friend of the poor. Like Christ, she welcomes without exception all who approach her to hear the divine message of peace, hope and salvation. Moreover, in obedience to the Lord, she continues to do so without regard for "tribe and tongue and people and nation" (cf. Rev 5:9), for in Christ, we "are one body" (cf. Rom 12:5). It is thus imperative that the clergy, religious and catechists in your dioceses be attentive to the diverse linguistic, cultural and economic circumstances of those whom they serve.
Furthermore, if the local churches ensure that an appropriate formation is given to those who, genuinely motivated by a love of God and neighbour, wish to become Christians, they will remain faithful to Christ's command to "make disciples of all nations" (cf. Mt 28:19). Even though you, dear brothers, must take into account the challenges that the missionary nature of the Church entails, you must always be prepared to spread the Kingdom of God and to walk in the footsteps of Christ, who was himself misunderstood, despised, falsely accused and who suffered for the sake of truth. Do not be deterred when such trials arise in your own ministry, and in that of your priests and religious. Our belief in the certainty of Christ's Resurrection gives us confidence and courage to face all that may come and to press forward, building the Kingdom of God, aided as always by the grace of the sacraments and through prayerful meditation on the Scriptures. God welcomes everyone, without distinction, into union with him through the Church. So too, I pray that the Church in India will continue to welcome everyone, above all the poor, and to be an exemplary bridge between men and God.
Finally, my dear brother Bishops, I note with gratitude the various efforts the local churches in India have made in commemoration of the twenty-fifth anniversary of the first Apostolic Visit of Pope John Paul II to your country. During those memorable days, he had several notable encounters with leaders of other religious traditions. Manifesting his personal respect for his interlocutors, this blessed Pope gave an authentic witness to the value of interreligious dialogue. I renew the sentiments he expressed so well, "To work for the attainment and preservation of all human rights, including the basic right to worship God according to the dictates of an upright conscience and to profess that faith externally, must become ever more a subject of interreligious collaboration at all levels" (John Paul II, Meeting with Representatives of the different religious and cultural traditions and with the youth at the Indira Gandhi Stadium, 2 February 1986). I encourage you, dear brothers, to carry forward the Church's efforts to promote the well-being of Indian society through continued attention to the promotion of basic rights - rights shared by all humanity - and by inviting your fellow Christians and the followers of other religious traditions to take up the challenge of affirming the dignity of each and every human person. This dignity, expressed in respect for and promotion of the innate moral, spiritual and material rights of the person, is not merely a concession granted by any earthly authority. It is the gift of the Creator, and stems from the fact that we are created in his image and likeness. I pray that the followers of Christ in India will continue to be promoters of justice, bearers of peace, people of respectful dialogue, and lovers of the truth about God and about man.
With these thoughts, dear brother Bishops, I renew to you my sentiments of affection and esteem. I commend all of you to the intercession of Blessed Pope John Paul, who surely brings his affection for India before the throne of our heavenly Father. Assuring you of my prayers for you and for those entrusted to your pastoral care, I am pleased to impart my Apostolic Blessing as a pledge of grace and peace in the Lord.

Ecco una nostra traduzione italiana del discorso del Papa.

Cari Fratelli Vescovi,
vi porgo un affettuoso e fraterno benvenuto in occasione della vostra visita ad limina Apostolorum, una gioiosa opportunità per rafforzare i vincoli di comunione fra la Chiesa in India e la Sede di Pietro. Desidero ringraziare il Reverendissimo Vincent Concessao per le gentili parole pronunciate in vece e a nome di quanti sono affidati alla vostra cura pastorale. Rivolgo i miei cordiali saluti ai sacerdoti, ai religiosi, uomini e donne, e ai laici delle vostre varie Diocesi. Vi prego di assicurarli delle mie preghiere e della mia sollecitudine spirituale.
Le più significative risorse concrete delle Chiese che guidate non sono gli edifici, le scuole, gli orfanotrofi, i conventi o le canoniche, ma gli uomini, le donne e i bambini della Chiesa in India che fanno vivere la fede, che rendono testimonianza della presenza amorevole di Dio attraverso vite di santità. Come parte di un patrimonio ricco e antico, l'India vanta una presenza cristiana antica e ragguardevole, che ha contribuito alla società indiana e ha recato beneficio alla vostra cultura in innumerevoli modi, arricchendo la vita di tantissimi cittadini, non solo cattolici. L'enorme benedizione della fede in Dio e nel suo Figlio, Gesù Cristo, di cui i membri della Chiesa recano testimonianza nel vostro Paese, li motiva ad agire in modo altruistico, gentile, amorevole e caritatevole (cfr. 2 Cor 5, 14). Ancor più importante è che la Chiesa in India proclama la sua fede e il suo amore alla società in generale, li realizza attraverso l'interesse per tutte le persone, in ogni aspetto della loro vita spirituale e materiale. Che essi siano ricchi o poveri, anziani o giovani, maschi o femmine, di antica tradizione cristiana o accolti nella fede di recente, la Chiesa non può non vedere nella fede dei suoi membri, individualmente e collettivamente, un grande segno di speranza per l'India e per il suo futuro.
In particolare, la Chiesa cattolica è amica dei poveri. Come Cristo, essa accoglie senza eccezioni tutti coloro che le si avvicinano per ascoltare il messaggio divino di pace, speranza e salvezza. Inoltre, in obbedienza al Signore, continua a farlo senza considerare "tribù, lingua, popolo e nazione" (cfr. Ap 5, 9), perché in Cristo, siamo "un solo corpo" (cfr. Rm 12, 5). È dunque indispensabile che il clero, i religiosi e i catechisti nelle vostre Diocesi siano attenti alle diverse circostanze linguistiche, culturali ed economiche di quanti servono.
Inoltre, se le Chiese locali garantiscono l'offerta di una formazione appropriata a coloro che, motivati in modo autentico dall'amore verso Dio e verso il prossimo, desiderano diventare cristiani, esse resteranno fedeli al comandamento di Cristo di ammaestrare "tutte le nazioni" (cfr. Mt 28, 19). Sebbene voi, cari Fratelli, dobbiate prendere in considerazione le sfide implicite nella natura missionaria della Chiesa, dovete sempre essere pronti a diffondere il Regno di Dio e a seguire le orme di Cristo che fu egli stesso incompreso, disprezzato, falsamente accusato e soffrì per amore della verità.
Non lasciatevi scoraggiare quando sorgono problemi nel vostro ministero e in quello dei vostri sacerdoti e religiosi. La nostra fede nella certezza della resurrezione di Cristo ci dà la fiducia e il coraggio per affrontare tutto ciò che può accadere e per andare avanti, edificando il Regno di Dio, aiutati, come sempre, dalla grazia dei sacramenti e dalla meditazione orante delle Scritture. Dio accoglie tutti, senza distinzione, nell'unione con Lui, attraverso la Chiesa. Così anche io prego affinché la Chiesa in India continui ad accogliere tutti, specialmente i poveri, e a essere un ponte esemplare fra gli uomini e Dio.
Infine, miei cari fratelli Vescovi, osservo con gratitudine i vari sforzi che le Chiese locali in India hanno fatto per commemorare il venticinquesimo anniversario della prima visita apostolica di Papa Giovanni Paolo II nel vostro Paese. Nel corso di quelle giornate memorabili, tenne vari incontri con responsabili di altre tradizioni religiose. Manifestando il suo rispetto personale per gli interlocutori, quel Papa benedetto diede una testimonianza autentica del valore del dialogo interreligioso. Rinnovo i sentimenti che espresse così bene: "Operare per il raggiungimento e la difesa di tutti i diritti umani, ivi incluso il diritto fondamentale ad adorare Dio secondo i dettami di una retta coscienza e di professare esteriormente questa fede, deve divenire ancor più tema di collaborazione tra religioni a tutti i livelli. (Giovanni Paolo II, Incontro con i Rappresentanti delle diverse tradizioni religiose e culturali, 2 febbraio 1986). Vi incoraggio, cari Fratelli, a portare avanti gli sforzi della Chiesa per promuovere il benessere della società indiana attraverso l'attenzione costante alla promozione dei diritti fondamentali, diritti condivisi da tutta l'umanità, e invitando i cristiani e i seguaci di altre religioni ad accettare la sfida di affermare la dignità di ogni persona umana. La dignità, espressa nel rispetto per i diritti materiali, spirituali, morali innati della persona e nella loro promozione, non è soltanto una concessione di una qualsiasi autorità terrena. È il dono del Creatore e deriva dal fatto che siamo creati a sua immagine e somiglianza. Prego affinché i seguaci di Cristo in India continuino a essere promotori di giustizia, portatori di pace, persone di dialogo rispettoso e amanti della verità su Dio e sull'uomo.
Con queste riflessioni, cari fratelli Vescovi, vi rinnovo i miei sentimenti di affetto e di stima. Vi affido tutti all'intercessione del beato Papa Giovanni Paolo II, che di certo porta il suo affetto per l'India davanti al trono del nostro Padre celeste. Assicurandovi delle mie preghiere per voi e per quanti sono affidati alla vostra cura pastorale, sono lieto di impartire la mia Benedizione Apostolica quale pegno di grazia e di pace nel Signore.



(©L'Osservatore Romano 19-20 settembre 2011)